Calendario eventi

settembre
11
ISA
Novità, aspetti pratici e ultim'ora
settembre
18
Business English partendo da Financial films: origini, motivazioni e prospettive future
settembre
25
ottobre
03
con Giovanni Valcarenghi
ottobre
11
Adempimenti, novità, operazioni intracomunitarie
ottobre
16
La tecnica professionale della revisione legale
ottobre
17
Poteri, doveri e responsabilità tra giurisprudenza recente e codice della crisi
ottobre
25
Capitale ridotto, disciplina delle PMI, Codice della Crisi
ottobre
29
Il corretto approccio di aziende e professionisti nella prevenzione e diagnosi precoce della crisi di impresa dopo il D.Lgs. 14/2019
ottobre
30
novembre
06
Corso base
novembre
20
Imposte dirette e Iva

Ricerca Corso

Eventi Formativi

L'Oratorio di Santo Stefano a Lentate sul Seveso

Visite guidate Secondo trimestre 2019

Tipologia
Evento culturale
Crediti
0
0 Speciali
0 Revisore Gruppo B e C
0 Revisore Gruppo A
Organizzato da

Aperte le prenotazioni per la visita guidata all'Oratorio di Santo Stefano (pagamento in loco)

Seguiranno:

  • sabato 15 giugno 2019, pomeriggio (orario da definire), Milano
    visita, a piedi, ai graffiti di strada di Milano (partenza da viale Monza)
  • giovedì 11 luglio 2019, tardo pomeriggio (orario da definire), Briosco
    visita al museo Rossini Art Site e alle sue collezioni permanenti

Visita privata a uno dei monumenti trecenteschi lombardi più importanti, noto in particolare per il considerevole ciclo di affreschi della Leggenda di Santo Stefano (43 riquadri), il più vasto mai dedicato al santo in Italia. Edificato per decisione del conte Stefano Porro sul finire del XIV secolo (una lapide presentenell’edificio ne fissa l’erezione al 1369) come cappella funeraria situata accanto alla propria abitazione, l’Oratorio è tuttora di proprietà della famiglia Porro Schiaffinati.

All’esterno l’Oratorio di Santo Stefano di Lentate si presenta con una semplice facciata a capanna di mattoni cotti, arricchita con lesene e simboli araldici della famiglia committente. Per la costruzione dell’Oratorio furono impiegati soprattutto mattoni cotti, ma anche ciottoli di fiume, specialmente nelle murature di tramontana e di mezzogiorno.
L’edificio era parte di un complesso di costruzioni identificate in alcuni documenti come il “Castello” dei Porro: una sorta di costruzione ricca di molti locali dalle differenti destinazioni d’uso, disposti intorno a un cortile centrale, il cui accesso era posto direttamente sulla piazza del paese.
Tra le novità pienamente restituite dal recente restauro, stando all’esterno dell’Oratorio, vi è la Imago pietatis, emersa nella lunetta della facciata esterna, dopo la pulitura della stessa, alla quale era sovrapposta un’altra immagine dipinta su di uno strato di materiale meno antico. L’immagine del Cristo che esce dal sepolcro deve essere riportata alla devozione popolare e al tema delle indulgenze, com’è prova la posizione rivolta alla piazza, e non testimonia eventuali funzioni funerarie.
L’affresco è della stessa mano del “maestro delle vele”, da alcuni identificato con Anovelo da Imbonate.
Il restauro condotto sul ciclo pittorico ha avuto come principale obiettivo il ripristino dei valori cromatici originari, rilevante per un Oratorio come quello di Lentate, che ha il merito di possedere ancora intatto il ciclo di affreschi trecenteschi, composto da ben 43 riquadri, raffiguranti la leggenda di santo Stefano. Ispirata forse da miniature presenti in codici coevi, la narrazione della vita del santo è affrescata in due registri che coprono le pareti dell’aula, con l’eccezione dell’arco trionfale, nel quale spicca per la sua centralità il Cristo in mandorla, nell’atto di giudicare i morti.
Nel presbiterio si estende la Crocifissione, ricca di cavalieri coevi più al Porro che non all’epoca del Cristo. Sulla parete di tramontana vi è il rimarchevole monumento funebre del conte palatino Stefano Porro e di fronte, sull’altro lato, una prima scena affrescata che rappresenta san Giorgio in procinto di uccidere il drago per salvare la principessa e un’altra scena con la donazione del modellino dell’oratorio al santo protettore nella quale spicca il conte Stefano, seguito da tutta la sua famiglia.
Sullo zoccolo delle pareti sono presenti affreschi più recenti e curiosi graffiti murali che rappresentano lucci minacciosi dal dimostrato significato allegorico. Altri graffiti e affreschi sono presenti su tutte le pareti dell’Oratorio.

Iscritti all'Albo, al Registo del tirocinio, personale di studio, parenti, amici e accompagnatori.

La presente scheda consente la sola prenotazione. Il costo di 5 euro dovrà essere versato in loco.

La partecipazione all'evento non prevede l'attribuzione di crediti formativi.

 

 

Domenica 5 maggio  2019:

  • 18.00 ritrovo in Piazza San Vito - Lentate sul Seveso
  • 18.30 inizio visita guidata

La visita dell'Oratorio in quell'orario sarà riservata solo agli iscritti, familiari e accompagnatori per un massimo di 50 partecipanti.

A.2 DEONTOLOGIA